Noce moscata: spezia afrodisiaca

Le virtù della spezia attraverso i secoli

noce moscata

La noce moscata è una spezia molto apprezzata per il suo sapore forte e caldo che si sposa perfettamente a primi piatti, a verdure cotte, alla carne, ai dolci ed è ottima perfino come ingrediente per le salse.
Per il gusto e l’odore intensi all’epoca era considerata un vero e proprio “afrodisiaco”.

Conosciamo meglio le origini e le qualità della noce moscata che la rendono una delle spezie più amate in cucina.

Storia della spezia 

La noce moscata altro non è che il seme del frutto della Myristica fragrans, un albero sempreverde originario dell’Indonesia. Il seme ovoidale è avvolto da un rivestimento “a rete”, detto macis, dalla cui essiccazione si ricava la spezia delicata. Dal seme, invece, si ottiene la famosa noce moscata.

La spezia che utilizziamo in cucina è anche nota come “Noce di Mascate”, luogo dove iniziò ad essere commercializzata.
Già nota nel Medioevo dai mercanti Arabi, la noce moscata si diffuse in Europa verso il XVI secolo, quando veniva utilizzata specialmente dagli aristocratici, sia in ambito gastronomico che in profumeria. Fu causa di ostilità tra i commercianti e gli Stati europei.

Nei secoli seguenti, alla noce moscata vennero attribuite qualità eccitanti, per questo veniva cosparsa sul collo dove sprigionava tutto il suo aroma.

Nel ‘700 la noce moscata era reputata terapeutica ed efficace per contrastare un gran numero di malattie.

Nel secolo successivo fu utilizzata soprattutto in quanto spezia “afrodisiaca” ed era sempre più richiesta come ingredienti per la preparazione della “pillola dell’amore”, mentre nel Novecento era chiamata “stupefacente dei poveri”, in quanto la sua ingestione provocava forti allucinazioni.

Ai giorni nostri, la noce moscata è utilizzata per lo più in ambito culinario, per dare un tocco di sapore a ricette, sia salate che dolci.

Le virtù della noce moscata

  • Facilita la digestione: la noce moscata, grazie all’elevato contenuto in fibre, stimola il processo digestivo promuovendo la peristalsi intestinale. Inoltre, facilita la secrezione dei succhi gastrici e intestinali che favoriscono la digestione.
  • Disintossica l’organismo: la spezia aiuta il fegato e i reni a depurarsi dalle scorie accumulate nel corpo. Inoltre, i principi attivi della noce moscata contrastano i calcoli renali.
  • Ottima per l’igiene orale: i contenuti antibatterici presenti nella noce moscata contribuiscono a eliminare i batteri e a contrastare l’alitosi. Infatti, spesso la noce moscata è utilizzata per la preparazione di dentifrici e collutori.
  • Buona per la pelle: da sempre nota per i suoi utilizzi in ambito estetico, la noce moscata è utilizzata come pasta, mischiata ad acqua e miele, da spalmare sulla pelle per renderla più bella e sana.
  • Allevia il dolore: tra i principi attivi della noce moscata vi sono le proprietà antidolorifiche naturali. Se aggiunta come spezia agli alimenti, riduce il dolore derivante da infiammazioni e ferite.

In tavola con Bauer

Ottima sia per ricette fredde che calde, la noce moscata è l’Ingrediente ideale per dare vita a piatti originali e saporiti. Ad esempio, la si può aggiungere in polvere alla besciamella o la si può inserire nel brodo dei cappelletti o nella preparazione dei ravioli. Ma si può anche creare una crema dolce aromatizzata alla noce moscata da accostare a un buon dessert.

Per festeggiare la Festa del papà potete preparare degli squisiti gnocchi di patate con noce moscata. E per dare ancora più sapore aggiungete il Dado Vegetale Bio Bauer, un dado buono nato dalla sapiente combinazione di materie prime provenienti da agricoltura biologica.

Puoi acquistare il Dado Vegetale Bio Bauer comodamente sul sito Bauer.it e nei migliori supermercati della tua zona.

CONDIVIDI SU


This site is registered on wpml.org as a development site. Switch to a production site key to remove this banner.